Ti è capitato di uscire dal parrucchiere con un colore che non ti piace e i capelli rovinati?
Ora ti spiego il perchè!

Ci sono 5 errori comuni che spesso i parrucchieri fanno, un pò dettati dall’inesperienza un pò per le richieste da parte della cliente a cui non sanno dire di no e in ultimo, la scarsa formazione o di base (la scuola per diventare parrucchieri) oppure corsi di aggiornamento.
Sono fondamentali per un parrucchiere in quanto i prodotti cambiano, cambiano di composizione chimica e di uso.
Per questo gli errori commessi sono quasi sempre gli stessi.

Ti ritrovi a dover dare un taglio netto ai tuoi capelli per non avere in testa la paglia che oltre ad essere brutta da vedere, rende la vita quotidiana difficile, perché non è un caso che la mattina ti svegli e i tuoi capelli non hanno più un senso logico, come se fossi stata sotto la pioggia tutta la notte!

Per evitare questi inconvenienti basta informarsi ed evitare che vengano svolti sui tuoi capelli i seguenti errori:

 

 

#1 FONTE DI CALORE

Quando sei di corsa ma i capelli bianchi si vedono troppo, non chiedere al tuo parrucchiere un ritocchino veloce se questo pensa di metterti sotto fonte di calore.
Oppure vuoi effettuare delle schiariture ma hai poco tempo e quindi il parrucchiere per non perdere il lavoro ti mette sotto il casco?

Evita! Prenditi il tempo necessario per farti bella, lo so è un mondo caotico dove tutti andiamo sempre di corsa, il lavoro, i figli, il marito, la casa, sono troppe cose per inserirci due ore dal parrucchiere, ma poi quanto ti costano quelle schiariture veloci?
TANTO!

PERCHÉ, la fonte di calore fa sì che il colore o le schiariture avvengano più rapidamente ma allo stesso tempo quella velocità danneggia il capello, rendendo il servizio più aggressivo di conseguenza rovina di più i capelli.

Per eseguire questi lavori, informati se la colorazione usata è apposita per essere messa sotto fonte di calore, esistono, sono più costose, contengono al loro interno protezioni idonee alle alte temperature.
Una tinta per capelli normale o una decolorazione normale, svilupperà prima comunque sotto fonte di calore ma essendo priva di protezione, rovinerà i capelli.

 

 

#2 OSSIDAZIONE AD ALTI VOLUMI

Schiarire i capelli è il servizio più delicato e quello più pericoloso, il decolorante è il prodotto più invasivo che ha un parrucchiere.
Se usato con incoscienza questo può tranciare i capelli o renderli elastici e con un solo tocco le punte verranno via.

Per questo è sempre bene usare volumi di ossigeno bassi che richiedono senza dubbio molto più tempo di schiaritura (per questo ribadisco di dedicarsi il tempo necessario) ma mantengono integra la struttura del capello.

Spesso i parrucchieri per rendere il lavoro più veloce usano il 30 o ancor peggio il 40 volumi di ossigeno, questo comporta un rischio del 90% di danneggiare i capelli.

Un parrucchiere inesperto ti dirà che se non usa quel tipo di ossigeno non otterrai il risultato desiderato.
Non è vero, o meglio, se fosse vero DEVE metterti al corrente che i capelli potrebbero rovinarsi oppure la soluzione più onesta sarebbe quella di dirti di no, proponendoti un tono di colore piu scuro di quello desiderato ma, per esperienza e informazione ti garantisco che con i bassi volumi si ottengono grandi risultati, persino il grigio, per ottenerlo si usa uno dei volumi più bassi.

Chiedi, quando effettui questo genere di lavori di non rovinarti i capelli e usare bassi volumi, se non si può, cambia parrucchiere!

 

 

#3 TEMPO DI POSA ECCESSIVO

No, non è un controsenso a quello che ti ho detto fino ad ora!
Se decidi di effettuare delle schiariture e non vuoi mettere in discussione le capacità del tuo parrucchiere e questo ti fa una decolorazione a 30/40 volumi con le cartine o pellicole e ti lascia in posa oltre la mezz’ora preoccupati!

Il decolorante di per sé è un prodotto che non ha un tempo di posa prestabilito, il tempo varia da tanti fattori, persino la temperatura dell’ambiente.

Il suo processo di schiaritura non si arresta mai, è bene tenere sempre sott’occhio le schiariture, sopratutto se i capelli sono coperti da cartine o pellicole.
Per questo un tempo di posa prolungato può essere pericoloso e può danneggiare seriamente i capelli.

 

 

#4 NON TONALIZZARE

Non tonalizzare i capelli dopo aver usato la decolorazione comporta ad un deposito nei capelli di quest’ultimo.

Mi spiego meglio!

Le molecole del decolorante aprono le squame del capello, entrano, si deposatinano e iniziano a schiarire.
Per togliere quel deposito di decolorazione che non continuerà comunque a schiarire una volta tolto ma a rovinare i tuoi capelli, bisogna usare uno shampoo delicato particolare post decolorazione, dopodiché va FATTO il tonalizzante, con prodotti appositi che vanno a disintegrare le particelle di decolorante ancora presenti nel capello.

Se il colore ottenuto è già quello desiderato, esistono prodotti neutri che permettono di eliminare comunque quei residui e richiudere le squame del capello per renderlo più sano.

Non effettuare un tonalizzante dopo una decolorazione comporta rovinare i capelli, non al momento stesso ma nei giorni successivi, fin quando non si toglierà del tutto il decolorante dai capelli.

Richiedilo sempre!

 

 

#5 COLORAZIONE SENZA AMMONIACA

Sei così sicura che la colorazione senza ammoniaca sia più leggera di quella che la contiene?

Questa convinzione è stata un buon business, un ottimo motivo per aumentare il prezzo della tinta dal parrucchiere, un nuovo prodotto che ha accolto un gran numero di persone prepositive a trattare con più delicatezza i propri capelli ma è realmente così?

Dipende, se la colorazione è realmente senza ammoniaca e non contiene derivati allora si, è più leggera e delicata, non coprirà i tuoi capelli bianchi, non può schiarire i capelli e dopo qualche lavaggio inizierà ad andare via.

Se contiene derivati dell’ammoniaca come la monoetanolammina, questa è inodore ed è nociva se toccata e se viene respirata, ovviamente non ce ne possiamo rendere conto se non leggiamo gli ingredienti, essendo inodore non si sente.

La differenza tra l’ammoniaca o un derivato è:

L’ammoniaca è una sostanza che si trova in natura e anche dentro il nostro corpo, è nociva se ingerita e basta, difficilmente è quest’ultima a dare reazioni allergiche, saresti allergica anche alla tua urina, un po’ improbabile non trovi?

L’ammoniaca nella colorazione permette alle squame del capello di aprirsi, far penetrare il colore, fissarlo e dopo circa 15/20 minuti (dipende dalle colorazioni) è completamente evaporata, permettendo alle squame di rinchiudersi e far durare il colore.

I derivati, non evaporano, ciò significa che hanno anche questi il potere di aprire le squame ma non di richiuderle, rimanendo nel capello, è chiaro che li danneggia e il colore non rimane all’interno, così dopo qualche lavaggio va via.

Invece di chiedere colorazioni senza ammoniaca, chiedi le certificazioni dei colori usati nel tuo salone di fiducia.
Colori dermatologicamente testati e dichiarati non irritanti!

Non affidare i tuoi capelli a persone incompetenti o a chi ha un prezzo troppo basso, potrebbe costarti molto più caro di ciò che pensi, potresti ritrovarti i capelli bruciati, doverli tagliare e dover spendere altri soldi per avere un colore più decente.

Metti i tuoi capelli in mani sicure e che ti dia delle garanzie!

 

Se vuoi fissare un appuntamento o avere altre informazioni contattami su whatapp

CONTATTAMI

 

Ci troviamo a Roma in Via Cornelia 59 b, zona Aurelio/Montespaccato

 

Vedi su mappa